Qualità dei prodotti per battere la crisi economica

homepage
Da tredici anni il BonTà è il punto di riferimento fieristico italiano dell’eno-gastronomia artigianale: a Cremona, tra 2.000 prodotti provenienti da tutta Italia, si trova il meglio delle produzioni tradizionali.
Gli ottimi riscontri commerciali sottolineati dagli espositori in occasione dell’ultima edizione confermano il prodotto tipico e il “mangiare bene” sono ancora ambiti in cui i ristoratori e i consumatori sono pronti ad investire.

L’obiettivo principale de il BonTà è di mettere in contatto i produttori delle eccellenze enogastronomiche con distributori, buyer, e ristoratori: si tratta di un punto di incontro per trovare nuovi canali commerciali per prodotti agroalimentari di alta qualità.

il BonTà non si trovano solo specialità enogastronomiche, ma anche un’ampia area espositiva dedicata alle attrezzature professionali, perché solo con gli strumenti giusti si possono valorizzare al meglio i prodotti alimentari.
A ciò si aggiunge un ricco programma di eventi collaterali dedicati ai professionisti e ai buongustai: gare tra chef, seminari, convegni e degustazioni per aggiornarsi sui temi più attuali dell’alimentazione, dalla celiachia al biologico, passando per la valorizzazione dei prodotti di qualità: durante l’edizione 2015 oltre 17 degustazioni e 15 show cooking hanno accolto i visitatori alla ricerca dei “sempre nuovi” gusti della tradizone proposti da grandi professionisti protagonisti indiscussi nel panorama della valorizzazione della qualità enogastronomica italiana.

Scopri di più sulla Manifestazione

BO16 - Banner-home-intolleranze
Novità 2016: “Free From” Salone delle Intolleranze Alimentari – Clicca per saperne di più

sprechi alimentari

Legge contro gli sprechi alimentari, l’analisi di Coldiretti

Pubblicato il 25 agosto 2016

Nel commentare positivamente la nuova Legge contro gli sprechi alimentari per contribuire a raggiungere nel 2016 l’obiettivo di ridurli a un milione di tonnellate, Coldiretti ricorda che gli sprechi alimentari, all’Italia, costano 12,5 miliardi di euro. Il 54% si perde al consumo, il 21% nella ristorazione, il 15% nella distribuzione commerciale, l’8% nell’agricoltura e il » Continua

carne e salumi

Lenta ripresa per i consumi di carni e salumi

Pubblicato il 4 agosto 2016

Si riduce il calo dei consumi di carni e salumi in Italia. Dopo la brusca flessione dello scorso anno, accentuatasi dopo le dichiarazioni dell’Oms di ottobre, l’andamento sembra essere in leggera ripresa. Secondo i dati Iri, il trend su base tendenziale è passato dal -5,8% del marzo scorso al -3% di maggio, con buone prospettive » Continua

Vedi tutte