Le produzioni di formaggio DOP nel 2013

Dal punto di vista produttivo il 2013 è stato per le DOP un anno critico, il calo delle consegne di latte crudo alla stalla e quello dei consumi interni hanno avuto effetto negativo sulle produzioni, specialmente nel primo semestre.
Nel secondo semestre si è registrata una ripresa produttiva per tutti i formaggi, non sempre sufficiente a recuperare le perdite dei primi sei mesi.

Nello specifico:

  • Il GRANA PADANO chiude l’anno registrando, nel mese di dicembre, un +0,01% portando il dato complessivo a -3,30% rispetto allo scorso anno (4.565.257 forme).
  • Il PARMIGIANO REGGIANO chiude il 2013 con 3.279.156 forme, con un rallentamento produttivo dello 0,8%. Il calo riguarda soprattutto le aziende cooperative (-1,5%) e i caseifici aziendali (-5%) , mentre cresce la produzione industriale (+3,3%), che guadagna quote di mercato sulle altre tipologie di gestione, soprattutto nella provincia di Parma.
  • La produzione del GORGONZOLA ha avuto due andamenti ben distinti nella prima e nella seconda parte del 2013: nel primo semestre la produzione è sempre stata inferiore rispetto a quella del 2012 con cali mensili addirittura del -8%, arrivando a chiudere il primo semestre con una variazione tendenziale del -4%. Nel secondo semestre invece c’è stata una ripresa che ha portato a chiudere l’anno in positivo, +0,45%, pari a 4.175.610 forme.
  • La produzione dell’anno appena terminato per l’ASIAGO è stata la più bassa dal 2010. Con una produzione di 1.619.777 forme la DOP ha subito un rallentamento produttivo del 6,6% rispetto al 2012 e del 3,3% rispetto al 2011.
  • Nell’anno solare 2013 sono state prodotte il 4,9% in meno di forme di PECORINO ROMANO
  • Nonostante un andamento non lineare con le altre DOP il QUARTIROLO LOMBARDO ha chiuso l’anno con una crescita produttiva dello 0,7%. Nell’anno sono state prodotte 3.731 Tons di prodotto.
  • In forte calo la produione del PROVOLONE VALPADANA che nell’anno ha perso il 14,5% (5.865,2 Tons) con picchi di cali mensili addirittura del 49,8%.
  • Anche il MONTASIO chiude l’anno in negativo, -11,9% (832.300 forme). La produzione è stata inferiore per tutti i mesi del 2013 all’infuori del mese di Dicembre che si è chiuso con una variazione del +2,6%.

 

Il 2012 è stato un anno record per le consegne di latte crudo e per le produzioni DOP.

(Fonte: Assolatte)