Continua il trend positivo dell’export agroalimentare made in Italy

In un quadro di flessione generalizzata, l’agroalimentare italiano si muove in controtendenza e registra un incremento dell’export del 2% segnando performance positive sia nell’area Euro che sul mercato Usa. Lo afferma in una nota la Cia (Confederazione italiana agricoltori) commentando i dati Istat diffusi il 17 maggio scorso. Con un valore superiore ai 5,9 miliardi di euro, si legge nel comunicato, lo sbocco comunitario continua a rappresentare la principale méta delle esportazioni nazionali mentre, in termini di crescita tendenziale, è il mercato Usa a far registrare una delle performance trimestrali più significative (+4,4% per i prodotti alimentari e +23% per quelli agricoli). Sul fronte Russo, nonostante una ripresa relativa delle esportazioni agricole nell’intervallo gennaio-marzo 2016, rispetto al periodo pre-embargo l’agroalimentare made in Italy si è più che dimezzato e ha perso circa 83 milioni di euro. (Fonte: www.cia.it)