Panificio Badioni, ciò che merita di essere fatto bene

Torna a il BonTà (dal 9 al 12 novembre 2019) il Panificio Badioni, amico di lunga data del Salone delle Eccellenze Enogastronomiche dei Territori organizzato da CremonaFiere. Insignito nel 2010 del titolo di ‘negozio storico’, il panificio di Casalbuttano ha alle spalle una storia di lunga data, e che in ogni sua tappa sintetizza al meglio il motto che Badioni ha scelto per sé: «Ciò che deve essere fatto, merita di essere fatto bene».

Una storia iniziata nel 1968 

I fratelli Roberto e Pierino Badioni, hanno intrapreso la loro carriera nell’arte bianca a Casalbuttano, dopo aver conseguito pluriennale esperienza in tale ambito, maturata presso noti fornai milanesi. Oggi come in passato, la struttura del laboratorio di panificazione, unitamente ai locali adibiti alla vendita, ha mantenuto pressoché inalterata la conformazione iniziale: stesso forno di cottura, stessi sistemi di pesatura, adeguando il punto vendita, pur mantenendo un’impronta familiare.

Il rispetto per il pane

Il lavoro è sempre stato svolto nel rispetto della tradizione della lavorazione del pane, alzandosi ogni mattina alle tre per garantire il prodotto fresco all’apertura del negozio, all’epoca gestito con gentilezza, cortesia e professionalità dalla moglie di Roberto, Giuseppina Calza. Nel corso degli anni Badioni si specializzò sempre più nella produzione – oltre che dei prodotti da forno – anche nei dolci. Nel 2004 Roberto cede la sua parte di attività al figlio Andrea, che segue le orme del padre con la stessa dedizione e meticolosità apprese dai genitori, portando una ventata di novità con l’introduzione di altri prodotti ad alto standard qualitativo. Nel 2007 Giuseppina lascia la gestione del punto vendita alla figlia Susetta Badioni, per proseguire l’attività di famiglia. L’impronta della nuova generazione guarda al futuro senza dimenticare gli insegnamenti del passato, basi essenziali per garantire prodotti di qualità. 

Cosa assaggeremo in fiera

«I prodotti che presentiamo a il BonTà – ci spiegano – sono tutte ricette storiche che hanno accompagnato, nel corso degli anni, la nostra azienda:

  • la Crostata al Torroncino, una ricetta che nasce da un’idea di nostra madre, Giuseppina Calza, che nel voler utilizzare lo scarto del torrone che non poteva essere venduto come tavoletta, ha creato questa torta, nostro fiore all’occhiello de il BonTà.
  • la Ciambella Norma, una torta tradizionale creata in onore di Vincenzo Bellini, celebre compositore de “La Norma” e residente per un periodo a  Casalbuttano.
  • la Torta di Rose
  • la Torta al limone senza lievito
  • la Torta al cioccolato senza farina e senza lievito
  • le Torte Delizia ed altre torte della tradizione.
  • il “Re Panettone”».

Dopo un elenco così dolce, chi riuscirà a resistere al BonTà 2019? 

😉