Nel mondo delle birre artigianali irrompe il sorgo, naturalmente senza glutine

Cosa lega l’architettura alla produzione di birra artigianale? La risposta è scontata: nulla. In realtà non è così. Tiziano Tanzi è un architetto, alcuni anni fa progettò la costruzione di un’azienda sementiera il cui direttore, durante i loro incontri, lo omaggiava di una birra artigianale che produceva lui stesso. A Tanzi quella birra piaceva, la curiosità su quel tipo di produzione iniziò a farsi strada, il rapporto tra i due professionisti si trasformò in amicizia e fu allora che il direttore dell’azienda propose a Tiziano Tanzi di provare a produrre insieme una birra ottenuta esclusivamente dal sorgo. “Di questa coltura non sapevo nulla – spiega – se non che è uno dei 5 cereali al mondo priva di glutine”. Da allora sono trascorsi poco più di tre anni, ma nel frattempo Tiziano Tanzi ha realizzato un piccolo birrificio artigianale a Fidenza, provincia di Parma, dove produce birra di sorgo, particolarmente indicata per chi soffre di intolleranze alimentari o di celiachia e che difficilmente, proprio perché contiene glutine, potrebbe gustare una birra classica.

Dai 25 hl della preproduzione del primo anno, il 2017, la produzione vera e propria è arrivata ai 95 hl del 2019 “con una previsione per il 2020 di raggiungere i 110 hl – sottolinea Tanzi – compatibilmente con il difficile momento che stiamo tutti vivendo a causa dell’emergenza sanitaria Covid 19. Infatti, proprio all’inizio di quest’anno stavamo consolidando alcuni rapporti commerciali con il mondo della ristorazione, ma tutto si è arenato con l’esplosione dell’epidemia. Speriamo di poter riannodare i fili di un dialogo che aveva tutte le caratteristiche per sfociare in soluzioni positive, forti soprattutto di essere riusciti in questi pochi anni a consolidare la nostra presenza nel mondo delle intolleranze alimentari sull’intero territorio nazionale e di essere gli unici, in Italia, a produrre una birra di sorgo preservando la produzione dal rischio di contaminazioni crociate”.

In termini di valore, la birra di sorgo prodotta da Tiziano Tanzi si colloca nella fascia medio-alta all’interno del segmento artigianale, dove altre birre senza glutine sono comunque presenti, anche se nessuna lo è all’origine come quella di sorgo. Il motivo lo spiega Tanzi: “Durante la produzione, alle birre artigianali che dichiarano l’assenza di glutine viene aggiunto un enzima chiarificante che fa precipitare tutte le proteine compreso il glutine, che nel sorgo è invece assente in natura”. Tre le referenze base di birra prodotte, a cui si aggiungono una versione natalizia leggermente più alcolica e una un po’ più acida.

Il mondo delle birre artigianali è estremamente variegato e al Bontà, il Salone delle eccellenze enogastronomiche dei territori in calendario a Cremona dal 13 al 16 novembre prossimi, troverà ampio spazio per degustazioni e approfondimenti conoscitivi riservati al vasto e appassionato pubblico che calcherà i padiglioni del quartiere fieristico. Tiziano Tanzi comunque non ha smesso di fare l’architetto e vive il suo nuovo ruolo di produttore di birra come un’attività parallela di cui – afferma – “sono particolarmente orgoglioso e convinto di proseguire”.