Dolcezza e innovazione, le Tre Castagne dell’Etna sbarcano per la prima volta al BonTà

Alle pendici dell’Etna, in Sicilia, sorge il paese di Trecastagni, steso su un territorio collinare a 586 metri di altezza, circondato da numerosi conetti vulcanici di diversa epoca e dimensione. Qui, non più tardi di un paio di anni fa, è nata l’azienda artigianale Le Tre Castagne dell’Etna srl, il cui obiettivo è quello di lavorare la castagna come prodotto alimentare, che per molti decenni per la popolazione ha rappresentato una fonte di sostentamento economica. La produzione e la vendita di confetture, marmellate, creme dolci e pesti salati ottenuti principalmente dalla lavorazione di materie prime del territorio siciliano ed etneo rappresentano il cuore dell’attività aziendale. Le lavorazioni avvengono seguendo le ricette tradizionali, mentre i processi per la successiva conservazione si rifanno a metodi innovativi che proprio per questo mantengono inalterate le caratteristiche organolettiche dei prodotti utilizzati.

Le Tre Castagne dell’Etna srl parteciperà per la prima volta alla prossima edizione del BonTà, il Salone delle eccellenze enogastronomiche dei territori che si terrà dal 13 al 16 novembre prossimi a CremonaFiere.

Per quale motivo avete deciso di partecipare a questa nuova edizione del BonTà?

“La nostra è un’azienda molto giovane, sulla rassegna abbiamo raccolto numerose informazioni tutte positive e questo ci ha fatto capire che non potevamo mancare”.

Come pensa possa contribuire ad aumentare la conoscenza della vostra attività e le sue peculiarità?

“La massiccia partecipazione di visitatori e le numerose iniziative che vengono promosse durante i giorni della rassegna sono due aspetti molto importanti per aumentare l’interesse e la clientela”.

Ritiene che una rassegna come il BonTà, soprattutto nel post-Covid, possa aumentare l’interesse dei consumatori verso le produzioni agroalimentari di nicchia?

“L’auspicio di tutti è che la ripresa economica sia veloce e che la gente possa tornare ad acquistare prodotti alimentari di nicchia, sinonimo di genuinità e specialità del nostro Paese”.