Provola dei Nebrodi, la Ue dice sì al riconoscimento Dop

La Commissione europea ha approvato la richiesta di iscrizione nel registro delle Dop della Provola dei Nebrodi. A questo punto, aggiungendo il formaggio a pasta filata prodotto nel nord-est della Sicilia, gli alimenti italiani iscritti al Registro dei prodotti tutelati dalla Ue salgono a 306.

La provola dei Nebrodi viene prodotta utilizzando solo ed esclusivamente con latte di vacca intero e crudo e si presenta nella tipologia fresca, semistagionata, stagionata, sfoglia, al limone verde. Qualora l’intero processo produttivo avvenga in territorio montano a un’altitudine superiore a 600 metri sul livello del mare, tutte le tipologie possono fregiarsi dell’indicazione aggiuntiva “prodotto di montagna”.

Soddisfatta la ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova che in una nota sottolinea “l’importanza di questo riconoscimento che premia non solo l’alta qualità del nostro made in Italy, ma anche il valore fondamentale delle nostre tradizioni agroalimentari, ancor più in un territorio che per troppo tempo è stato soggetto alle speculazioni di mafia e criminalità organizzata e che oggi può guardare avanti, puntando sulle sue eccellenze per assicurare a lavoratori e imprese un’importante leva di sviluppo per il futuro”.

 

Foto: profilo Fb ufficiale Consorzio del Formaggio Provola dei Nebrodi